Play for Subject, Microphone and Target | All!

Data: 08-12-2012 (21:00)

Luogo: spazioK (Prato)

Kinkaleri in

Play for Subject, Microphone and Target | All!

Progetto, realizzazione Kinkaleri
Con: Massimo Conti, Marco Mazzoni

ingresso: €5

“Parole, colori, luci, suoni, pietra, legno, bronzo appartengono all’artista vivente. Appartengono a chiunque sappia usarli. Saccheggiate il Louvre!” – W.S.B. –
 
Sabato 8 dicembre alle ore 21.00, nello SpazioK di Prato, Kinkaleri presenta Play for Subject, Microphone and Target | All!, all’interno della rassegna *is it my world? di Kinkaleri.
All! il progetto di Kinkaleri per l’anno 2012/2013 riflette sulla figura di William Seward Burroughs senza essere uno spettacolo su W.S.B. ma uno spettacolo sulla coscienza del linguaggio, sul suo potere e sulla possibilità di rivolta che potrebbe animare un corpo dell’oggi immerso nell’ordine e nel controllo, un lavoro sullo spirito della libertà. Si tratta di seguire l’attitudine a rompere degli schemi di relazione, di comunicazione, di servitù alla scena come a qualunque linguaggio corrente. Si tratta di lotta, di strategia, di mancare quando si rischia, di fuggire perché necessario. Si tratta di dar voce all’esigenza di disorganizzare i corpi in movimento in un luogo che li contempli ma anche no, che al contrario li sciolga e disperda. In fondo è uno spettacolo su ciò che insegnava W.S.B. “essere liberi anche sotto tortura”. All! prevede la creazione di performance indipendenti che condividono lo stesso spirito e la stessa volontà di azione ma non presuppongono un evento conclusivo; ed è per questo che ogni  performance che compone il progetto è da considerarsi come un debutto, oppure come nessun debutto. Si tratta ogni volta di rispondere a delle necessità, di misurare delle attitudini, le nostre, o delle condizioni dinamiche dei corpi di danzatori o performer. Un battere il tempo con l’evento, dunque, come prima dimensione linguistica, con la costruzione di mondi parziali autonomi e autosufficienti.
“Lo spettacolo è terminato. Il pubblico si alza dalle poltrone… È ora di prendere i soprabiti e tornare a casa. Ma… fanno dietro front. Non ci sono più soprabiti, non c’è più casa” – W.S.B. –

Kinkaleri rilancia anche quest’anno la programmazione *is it my world?, che a Prato apre spazioK alle migliori energie artistiche italiane e internazionali e accoglie una serie di spettacoli, performance e concerti volti a sostenere la conoscenza e la sensibilità verso la sperimentazione e la ricerca dei linguaggi contemporanei. Il progetto, sostenuto dalla Regione Toscana, prende forma nell’ambito di DOTLINE, che colloca spazioK come centro di residenza regionale per la città di Prato messo a sistema in Da/To Danza in Toscana. Sullo sfondo insiste la stessa domanda aperta “is it my world?”, posta come possibile direzione per entrare in relazione con i lavori presentati. Anche questa VI edizione delinea un perimetro esteso nella molteplicità di visioni e di proposte che sono, per la maggior parte dei casi, frutto di periodi di residenze di artisti che si misurano per alcuni giorni con lo spazioK, con Kinkaleri, con la città e il territorio, favorendo un confronto utile alla produzione e trasmissione di tracce significative della cultura attuale. <is it my world? blog>: è attivo un collegamento diretto tra spazi fisici e mentali nel blog kinkaleri//is it my world?, dove trovano spazio tutte le informazioni sulle performance e gli artisti in programma, contributi audio, video, immagini e approfondimenti.