Rituals at the Ryoanji’s Garden / ChAnGE

Data: 09-11-2012 (18:00/21:00)

Data: 10-11-2012 (18:00/21:00)

Luogo: SPE -Tenuta Dello Scompiglio (Vorno di Capannori)

Company Blu in

Rituals at the Ryoanji’s Garden – h 18:00 (Prima assoluta)

coreografia e danza Alessandro Certini
composizione musicale originale ed esecuzione al pianoforte Giancarlo Cardini

Nel ’92, John Cage compone l’ultimo di una serie di 6 brani ispirati al giardino di rocce giapponese del Tempio Buddista Zen di Ryoanji, a Kyoto. Cage, nella partitura della sua composizione, usa i disegni da lui stesso eseguiti, raffiguranti le 15 rocce del giardino. Le rocce sono organizzate sul piano striato della sabbia del giardino, in modo da formare cinque gruppi distinti secondo la semplice relazione numerica di 5 3 2 3 2 pietre e questa relazione, oltre a guidare i suoi disegni, accompagna il percorso prospettico/visivo dell’osservatore.
La performance, il cui titolo è già un esplicito rimando a tutto ciò, prende spunto dalle linee e dalle curve dei disegni usati da John Cage per la sua musica e rimanda, liberamente, all’ordine, alle distanze e ai vuoti di quello spazio meditativo. Il brano musicale scritto da Giancarlo Cardini in vista della realizzazione coreografica di Alessandro Certini si ispira alla cultura artistica giapponese e si articola in una serie di episodi svolti in un flusso pressoché unico, con caratteri espressivi che, nell’ambito di una generale tendenza alla stasi e alla astratta contemplazione, prevedono alternativamente momenti di lirica distensione e di accese impulsività.

La struttura della danza, pur seguendo un percorso rigoroso, non è rigida: essa alterna momenti coreografici indipendenti rispetto alle indicazioni suggerite dalla musica ad altri legati al momento, alle ripetizioni e alle variazioni ritmiche o semplicemente abbandonati alle suggestioni delle melodie. Il gesto tende comunque a esporre il proprio pensiero senza imporsi, rimane nell’ascolto, nel continuo respiro degli umori dell’ambiente, in sintonia con la fragilità del cambiamento.

ChAnGE – h 21:00 (Prima assoluta)

ideato da Charlotte Zerbey
danza Massimiliano Baracchini, Claudia Catarzi, Alessandro Certini, Elena Giannotti, Charlotte Zerbey
musica dal vivo eseguita da Steve Noble (turn table and drums)

Un quintetto di danza con una struttura coreografica aperta, sviluppata sulla base della selezione oracolare dei I Ching praticata da Cage in alcune composizioni. ChAnGE chiede al pubblico e ai performer stessi di entrare nel processo creativo attingendo a pratiche della casualità e di ascolto istantaneo. «Comprendere l’oracolo è possibile semplicemente e soltanto nell’abbandono alle scelte – spiega Charlotte Zerbey – superando i desideri e le ragioni personali con un salto nella fiducia, nelle mani della natura. Probabilmente è ciò che anche Cage ha ritrovato negli scritti di Thoreau, o immergendosi nella natura, per la sua nota passione per i funghi.

L’interesse artistico alla base di questa spettacolo è quello di configurare l’evento all’interno del momento creativo stesso, attraverso una performance che favorisca la sincronicità al di là delle ipotetiche (e poetiche) ragioni che sottendono alle coincidenze. Lo spettacolo intende accrescere la percezione estetica dell’accadimento a-sintattico, ‘a-causale’ e ‘a-temporale’ come elemento del reale. In questo modo l’arte può affermare ancora il suo rapporto originario e contraddittorio con il mondo naturale».

I due spettacoli rientrano nell’ambito del progetto John Cage: 4’33” Lezione sui funghi, dedicato fino a dicembre al grande artista statunitense in occasione del suo doppio anniversario (1912-1992), la cui direzione artistica è affidata ad Antonio Caggiano.

Il Progetto Dello Scompiglio che prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno, è una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità.

 

ingressi
spettacolo ore 18.00 euro 10,00
spettacolo ore 21.00 euro 15,00
pacchetto 2 spettacoli giornalieri euro 20,00

riduzioni

bambini 3-12 anni e over 65: euro 7,00 a spettacolo

Apertura biglietteria:

dal martedì alla domenica dalle ore 14.00.
La mostra “Spazio #06” e il bookshop sono aperti dalle ore 14.00 sino inizio degli spettacoli.
Per visitare anche la mostra e il bookshop si consiglia di arrivare almeno 1 ora prima degli spettacoli e di prenotare l’ingresso alla mostra.