Hi Heaven! & Art of Faking / Hope

Data: 02-10-2012 (21:30)

Luogo: Teatro Alfieri (Castelnuovo Berardenga)

Odissey Dance Theatre in

Hi Heaven! & Art of Faking

coreografia: Ms Lo Pui Sze e Ms Linnea Ong
danzatori: Ms Lo Pui Sze, Linnea Ong, Yeo Lay Teng, Yeo Shuqin

Compagnia Motus danza in

Hope

coreografia e danza: Simona Cieri
concetto e sceneggiatura: Rosanna Cieri
musica: Daniele Sepe
regia: Rosanna e Simona Cieri

ingresso gratuito

Martedì 2 ottobre alle 21.30, nel Teatro Alfieri di Castelnuovo Berardenga, andranno in scena la Odyssey Dance Theatre (Singapore) e la Compagnia Motus danza, rispettivamente con gli spettacoli Hi Heaven & The Art of Faking! e Hope, in prima nazionale. 

The Odyssey Dance Theatre (ODT) è stata fondata a Singapore nel 1999 ed è diretta dal coreografo Danny Tan. L’esordio di DOTLINE vede subito dunque un’illustre compagnia straniera, come da programma, dato che questa edizione darà particolare risalto alla ricerca internazionale.
 
Lo spettacolo Hi Heaven! nasce dalle riflessioni del più importante coreografo di Singapore Danny Tan, che si è interrogato su uno dei temi sociali fondamentali: “cosa conta di più nelle nostre vite?”. Ispirato ad un dipinto realizzato nel corso dell’esibizione Dun Huang, Hi Heaven! è il simbolo della passione e del dinamismo. Lo stile particolare di Tan integra spesso danze asiatiche e cinesi all’interno di lavori prettamente contemporanei, che sviluppano movimenti non convenzionali e pongono in comunicazione Oriente e Occidente. Hi Heaven! analizza la dicotomia tra sonorità pacate e forti, tra la fisicità estrema e il contesto emozionale e spirituale. La performance riflette consapevolmente i valori della vita e della cultura.
 
La performance The Art of Faking – ispirata al libro The Art Of Faking It, scritto da Laurence Whitted-Fry – è il frutto del lavoro concettuale degli artisti di Odyssey Dance Theatre, Lo Pui Sze e Linnea Ong. Supportata da Mr Han Chang-Ho (South Korea), Mdm Goh Lay Kuan (Singapore Cultural Medallion) e dal Dr Danny Tan (Singapore), la costruzione di questo lavoro si è svolta in due fasi: la prima ha coinvolto il pubblico che ha dato il suo parere sulla bozza creativa, la seconda ha obbligato la compagnia a rivedere il tutto sulla base delle considerazioni degli spettatori. The Art of Faking è stato rappresentato al Mulle International Arts Festival in South Korea nell’agosto 2012, viene quindi proposto al pubblico italiano per la prima volta in questa occasione, per poi essere infine presentato nella sua versione full-length a Singapore nel 2013.
 
MOTUS danza è la compagnia residente presso il Teatro Comunale di Siena nata da un’idea di Simona Cieri, ballerina e coreografa di formazione classica, passata successivamente a modi espressivi moderni, jazz e contemporanei.
 
Hope, è la storia di una donna che vive la sua routine quotidiana e lo stress di una vita che non le appartiene, alla ricerca di qualcosa che non trova. Ma cosa cerca veramente? Il tentativo di trovare significati non può che essere doloroso. La messa a nudo della parte più nascosta dell’essere porta in superficie nodi irrisolti e antichi conflitti ma porta anche, inevitabilmente, ad una rinascita.
Hope non è teatro, non è danza, non è arte visiva, ma è tutte queste cose insieme.