Dance for nothing

Data: 11-12-2011 (21:00)
Luogo: via Santa Maria, 23 – Firenze, FI – CANGO – Cantieri Goldonetta

Eszter Salamon

Dance for nothing

Di e con Eszter Salamon
Musica John Cage
Coproduzione Dance 2010, 12.Internationales Festival des zeitgenössischen Tanzes, (Munich), Espace Pasolini-Théâtre International, (Valenciennes), Far – Festival des arts vivants (Nyon), TanzWerkstatt Berlin/Tanz im August (Berlin).
Col supporto di Nationales Performance Netz (NPN); German Federal Cultural Foundation Botschaft (Berlin)
Si ringrazia:
Shaina Anand/Camp, Bojana Cvéjic, Paf-St. Erme, Jan Ritsema e Ashok Sukumaran

Eszter Salamon danza e interpreta la partitura vocale di Lecture for Nothing di John Cage (1949). In questo assolo, ascoltando la musica e appoggiandosi al ritmo che sprigiona, Salamon esegue e improvvisa una coreografia costruita sul concetto di composizione “non-intenzionale”, come una forza indipendente capace di dare slancio a un processo creativo. L’idea di usare musica fatta di parole, conducendo un’azione parallela come se appartenesse a un’altra temporalità, corrisponde al principio d’interazione senza interferenza caro a Cage. Ne risulta un dialogo continuo tra la voce e il movimento da un lato, e tra interprete e spettatore dall’altro.

Eszter Salamon, danzatrice e coreografa ungherese, nel ‘92 si trasferisce in Francia collaborando con diversi coreografi. Dal 2001 realizza proprie creazioni: What a Body You Have, Honey (2001), Giszelle in collaborazione con Xavier Le Roy. Reproduction (2004), Magyar Tàncok (2005), Nvsbl (2006) e il film-coreografia And Then (2007). Nel 2008 crea il duo Dance #1 / Driftworks con Christine De Smedt e partecipa al progetto di ricerca coreografica, 6Month1Location, incentrato sull’auto-organizzazione e auto-apprendimento al Centre Chorégraphique National de Montpellier. Partecipa ed è co-curatrice del festival In-Presentable a Madrid. Nel 2009 sviluppa con Christine
De Smedt Transformers, un progetto di ricerca per un lavoro corale attraverso workshop e residenze artistiche a Bruxelles, Madrid, PAF-St. Erme, Mexico City, Vienna e Tokyo. Nel 2010 realizza il solo Dance for Nothing e, nel 2011, Tales of the Bodiless, musical fiction-without-science in collaborazione col compositore Terre Thaemlitz.